Calendario Agonistico ASIVA 2015 2016
News / Circolari

CONVENZIONI ASIVA

Convenzioni a favore degli Sci Club affiliati all'ASIVA e dei tesserati FISI appartenenti ad un Club Valdostano

07/07/2017

RICHIESTE GARE NAZ./INTERNAZ. STAG. 2017-2018 - SCI ALPINO

comunicazione FISI relativa alla scadenza per la richiesta di gare naz./internaz. per lo sci alpino

07/07/2017

LISTE FIS 2017/2018

Iscrizione Liste punti FIS stagione agonistica 2017/2018

Regione Autonoma Valle d'Aosta
Memoria Pietro Fosson
Fiocchi
 
BCC Coopérative de crédit Valdôtaine
Fiocchi
Liski
Birra Moretti Zero
Comunicato 486
del 22/04/2017

È ancora l’Esercito a dettare legge nel Trofeo Mezzalama, la maratona dei ghiacciai, giunta alla 21° edizione. E lo fanno con Matteo Eydallin (al quarto successo personale), Damiano Lenzi (al terzo) e Michele Boscacci (alla seconda affermazione), una vittoria confezionata in discesa, dopo che il catalano Kilian Jornet Burgada ha dettato il ritmo sino al Naso del Lyskam, imponendo un’andatura forsennata.

Cambia il tracciato del Mezzalama, con partenza prima dell’alba dal centro di Breuil-Cervinia – atleti preceduti dalla fanfara dei Bersaglieri e accompagnati, nel passaggio al Cretaz, dai fuochi d’artificio – per risalire verso il Plateau Rosa e il colle del Breithorn da Plan Maison prima e dal colle del Theodulo. A fare l’andatura, da subito, lo spagnolo Kilian Jornet Burgada, nel terzetto completato dagli svizzeri Werner Marti e Martin Anthamatten; il trio della Caserma Perenni di Courmayeur è sempre lì, incollata alle code dei battistrada. Soltanto nella discesa vertiginosa verso la linea del traguardo, posta a Gressoney-La-Trinité, gli alpini riescono a fare il vuoto; Eydallin-Lenzi-Boscacci chiudono in 4h 18’50”, a precedere di 2’18” il terzetto elvetico-spagnolo Burgada-Marti-Anthamatten (4h 21’08”). Più attardati, terzi, William Boffelli, Pietro Lanranchi e l’austriaco Jakob Herrmann (4h 31’23”); quarto posto per un altro terzetto dell’Esercito, Nadir Maguet, Manfred Reichegger e Robert Antonioli (4h 50’11”). Un piccolo giallo al termine della gara, pare subito rientrato dopo un conciliabolo tra Adriano Favre e Jornet Burgada, su un presunto errore di percorso degli alpini vincitori; al momento nessuno ricorso o reclamo, con vittoria assegnata al terzetto dell’Esercito. Ottimo il sesto posto conquistato da François Cazzanelli e Stefano Stradelli (Sc C. Gex) e dall’altoatesino Martin Stofner, seguiti, in 7° posizione, da Henri Aymonod (Sc C. Gex), Filippo Beccari e dal norvegese Erik Lars; 10° gli alpini Fabio Pasini, Daniel Antonioli e Richard Tiraboschi.

Stesso canovaccio nella gara femminile, con Alba De Silvestro (Cse), Katia Tomatis e dalla francese Axelle Mollaret, in testa fino al Naso del Lyskam; poi, nella discesa, sono state superate da Lætitia Roux, Jennifer Fiechter e Emelie Forberg (5h 37’49”), a precedere De Silvestro e compagne di 2’22”, al traguardo in 5h 50’01”). Ottime terze Annie e Katrin Bieler in squadra con Dimitra Maria Theocharis (6h 51’47”).
 
Copyright © 2005
 
 
Sci Alpino, Sci Nordico, Biathlon, Slittino, Snowboard, Sci Alpinismo, Freestyle in Valle d'Aosta